Marco Fugiglando - CEO Decox

Decox è un'azienda di distribuzione all'ingrosso di elettrodomestici, in particolare è specializzata nell'elettrodomestico da incasso, ma oggi trattiamo anche l'elettrodomestico free standing, da libero posizionamento. È un'azienda che ha 40 anni, compiamo 40 anni proprio quest'anno, e copriamo un territorio molto vasto che va da Ventimiglia a Porto Tolle, quindi sostanzialmente buona parte del nord Italia. Rappresentiamo sul territorio i marchi che proponiamo, quindi siamo un tramite diretto tra l'azienda produttrice e il nostro cliente, che tipicamente è un negozio di arredamento.
Da sempre riteniamo che il nostro sia un lavoro che va oltre la vendita specifica del prodotto, ma sia legato ad un servizio che noi offriamo al nostro partner, al nostro cliente. La complessità del mercato e la competitività del mercato è in continuo aumento ed evoluzione, pertanto noi, Decox, ci siamo resi conto che dovevamo fare qualche cosa in più per riuscire ad essere più adeguati al mercato; abbiamo quindi pensato di coinvolgere una società di consulenza esterna che ci potesse dare un po' il metro di misura rispetto a quelle che erano le nostre esigenze i nostri obiettivi. Abbiamo conosciuto Arca Network, in particolare Francesco Lannutti, e con loro è subito nato un rapporto di empatia necessario per poter condividere insieme degli obiettivi.
Abbiamo sostanzialmente definito tre momenti formativi del percorso: il momento in cui abbiamo fatto un incontro con tutta la forza vendita e consulenti per definire gli obiettivi, per creare una relazione anche empatica tra il consulente e la forza vendita; un momento successivo di vera analisi sul campo, di quelle che erano le metodologie adottate attualmente dal nostro commerciale, quindi in affiancamento col consulente sul punto vendita, ed una terza fase di analisi di quello che è accaduto in modo da poter evidenziare quegli aspetti positivi e anche quegli aspetti negativi da correggere, da correggere proprio tramite l'ordine e il metodo che abbiamo cercato di insegnargli.
Da una fase iniziale nella quale le persone coinvolte in questo percorso hanno avuto dei timori, delle difficoltà, si è passati ad una fase di grande positività in azienda, dove si è capito che non si voleva andare a creare degli elementi traumatici, ma anzi si voleva aiutare e supportare le persone dandogli proprio un ordine, un metodo, un’organizzazione del lavoro con degli schemi che si potevano ripetere, fissi, utilizzando i dati e i supporti che noi mettiamo a loro disposizione. Questo ha creato un gruppo, un team più coeso, più soddisfatto e mi ha dato la possibilità di avere un ruolo di maggiore autorevolezza, di maggiore leadership nei loro confronti perché si capiva che non era una mia fissazione, una mia velleità quella di volere insistere su determinati temi, ma era proprio frutto di un lavoro condiviso.
Condividi facebook share twitter share google+ share pinterest share
Sigla.com - Internet Partner